Impariamo giocando: la cooperativa simulata dell’Istituto Matteo Civitali di Lucca

- Giovani & Futuro -
- Persone & Famiglia -
- Imprese & Lavoro -
- Relax Banking -
Impariamo giocando: la cooperativa simulata dell’Istituto Matteo Civitali di Lucca
giovedì 24 maggio 2018

“Far divertire i bambini, intrattenere le persone anziane e aiutare i disabili nelle attività quotidiane”. A questo hanno pensato gli studenti delle classi terza A e C dell'Istituto Civitali, dell'Isi Machiavelli di Lucca, indirizzo servizi socio-sanitari.

I ragazzi, una ventina, si sono costituti in un’impresa cooperativa simulata, “Impariamo giocando”, che ha un proprio cda, uno statuto, una gestione del bilancio e un’efficientissima organizzazione interna.

Gli studenti, con i loro docenti Stefano Poggeschi, Chiara Masini e Giuseppina Grimaldi, organizzeranno attività per bambini, momenti ricreativi per anziani e per disabili. Banca di Pescia e Cascina, era presente il responsabile Relazioni Esterne Luca Silvestrini, sostiene l’impresa cooperativa simulata attraverso percorsi di affiancamento nella fase di costituzione e con approfondimenti di educazione al credito e finanziaria.

Si tratta di un percorso di autonomia questo che si inserisce nell’iniziativa “Toscana 2020” promosso da Confcooperative Toscana e Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo, con riferimento al nuovo progetto di alternanza scuola lavoro di Confcooperative, Coop Work In Class.

Impariamo Giocando è l’impresa cooperativa simulata nata con l’obiettivo di organizzare

attività per bambini e momenti ricreativi per anziani e disabili.

 

Questo il progetto realizzato dai 17 alunni delle classi 3A e 3C dell'indirizzo servizi sociosanitari

dell’Istituto Matteo Civitali di Lucca. L’iniziativa è nata anche grazie al

coinvolgimento del Prof. Stefano Poggeschi, della Prof.ssa Chiara Masini e della Prof.ssa

Giuseppina Grimaldi.

 

Il 16 maggio 2018 siamo andati a trovare gli studenti dell’Istituto. Al momento dell’atto

della costituzione dell’ics abbiamo fatto la parte del “notaio”.

Un nuovo progetto che nasce anche grazie al sostegno della Banca.